GIORNO 11: DA ARZUA A O PEDROUZO

DA ARZUA A O PEDROUZO

image

20 KM
PERCORSO

Da Arzua a O Pedrouzo il percorso è in leggera discesa. Si inizia con una bella discesa per i boschi di eucalipto per poi proseguire in salita fino a 400 metri a Santa Irene.

Ci sono due percorsi da poter fare fino a Boavista. Il primo passando per Peroxa e il secondo passando per Ferreiros. Entrambi sono all’interno dei boschi, quindi la scelta è veramente indifferente. Forse con il secondo si allunga di qualche km. Il percorso si snocciola in boschi, strada provinciale e paeselli sempre con cani sciolti. Vi consiglio di stare sempre sul pezzo perchè ci sono molti cani liberi.

PERNOTTAMENTO

A O Pedrouzo NON CI SONO POSTI CHE ACCETTANO I CANI. È’ veramente vergognoso. Però a tutto c’è una soluzione. Avevamo prenotato all’Hostel Otero appena dentro la cittadina.

DIFFIDATE DALL’HOSTEL OTERO che vi dice che accetta i cani ma che possono dormire in un posto a loro dedicato. In realtà è vero, ma il posto a loro dedicato altro non è che una vecchia fabbrica dismessa a 500 m dall’ostello. Questa, non ha luce ed è in una condizione sanitaria pessima, con topi, fessure, elettrodomestici sfasciati, finestre rotte e muri crollati.

Fermatevi prima di O Pedrouzo.

Il Motel si chiama

O Meson

Brea 16, O Pino, 15821 O Pedrouzo

È’ a conduzione familiare. L’ingresso non è dei migliori, ma le stanze sono molto pulite e la cena non è male.

Costo del pernottamento: 20 euro una camera doppia con bagno in camera. Cani felicissimi.

image

Vi dò il riferimento anche di un altro posto che accetta cani ma non conosco.

Rem Hostel
Avenida de la Iglesia, 7, 15821 O Pedrouzo

DIARIO

La giornata inizia molto bene: non piove.  Ci alziamo presto e per fare 20 km in tutto, ci mettiamo una vita. Non fa caldo ma almeno non piove. Maggie e Ash corrono per i boschi, si divertono. Noi in gruppo chiacchieriamo del più e del meno.

Tra boschi di eucalipto e strada provinciale tra tutte le persone, inizio a fare un pezzo di strada con un ragazzo spagnolo. Mi racconta che anche lui ha un cane. Parliamo. Molto gentile e simpatico. Parliamo molto. Poi io mi fermo ad aspettare il gruppo e lui va avanti. Le ragazze subito mi dicono che il ragazzo con cui ho parlato altro non è che un famoso torero spagnolo ……

Ci mettiamo tanto perchè ci fermiamo ad ogni punto ristoro a bere birra. Che ridere. Finalmente arriviamo a O Pedrouzo. Arriviamo all’Hostel Otero dove avevamo prenotato con i cani e la signora ci mostra il fantastico posto dedicato per Maggie e Ash. Era una vecchia fabbrica abbandonata senza luce, con buchi, finestre rotte, elettrodomestici spaccati e sicuramente ci saranno stati anche topi….ma come può pensare una persona di offrire a delle persone un posto del genere per far dormire i cani? Certa gente non ha proprio ritegno. Così troviamo questo posto in internet e ci fiondiamo subito. Doccia calda, cani rilassati e felici.

Una cenetta tutti quanti insieme, sapendo che domani arriveremo a Santiago. Ormai il viaggio è giunto al termine che quasi tutto questo mi mancherà.